Kundalini, prana e paura di arrendersi

Si dicono molte cose intorno a Kundalini, la forza evolutiva. Kundalini è un aspetto centrale del prana. Mentre il prana lavora sul corpo, kundalini lo evolve. La maggior parte delle persone ha paura di incontrare Kundalini. I racconti sono dei più incredibili: si diventa matti, si muore….. Tutte queste cose non le ho mai viste. E’ vero che risvegliare Kundalini include l’attraversare molti processi di purificazione, sia fisica che mentale, ma tutto ciò è accompagnato da un intenso amore per Dio. La maggior parte delle persone confonde il risveglio del prana con il risveglio di kundalini. Pur essendo connesse, le due cose sono diverse. Non puo esserci risveglio di Kundalini senza aver prima risvegliato il prana. I ricercatori quando vedono una persona risvegliare il prana e la vedono tremare, sobbalzare, ridere o urlare o piangere, o assumere posizioni e posture strane o tirare fuori la lingua e muovere gli occhi come una matta, pensano che sia impazzita e che questo sia il famoso risveglio di Kundalini. Essi pensano: “Ecco, qui sono tutti matti. Me lo avevano detto che Kundalini è pericolosa!!”. Tuttavia sentendo la testimonianza di chi sta passando attraverso questi fenomeni, non possono credere alle loro orecchie quando si sentono dire: “E’ bellissimo!!”. E’ bello perchè si stanno arrendendo a Dio, alla Verità, alla propria natura Divina, a ciò che in ultimo loro sono. Le persone che possono realmente avere problemi per questo, sono quelle che hanno già problemi mentali. Una persona borderline non dovrebbe fare questo Yoga, ma nemmeno dovrebbe fare stage troppo intensi di Meditazione e spesso deve stare attenta anche alle terapie più leggere. Coloro che sono sani mentalmente, e in questo rientrano tutte le persone con problemi interiori come me e voi, possono iniziare la pratica dello Yoga Naturale, la resa al Divino amore. Se avete paura di perdere il controllo, il prana rimarrà sottomesso alla vostra volontà e non verrà lasciata la guida alla mano Divina. Solo se vi arrendete veramente potrete sperimentare il movimento e l’azione di prana shakti su di voi. Se avete paura, state rinunciando ad una grazia infinita. Se vi arrendete a Dio, all’amore Divino, alla Verità, automaticamente vi sentirete guidati da qualcosa di più grande. Perchè ne avete paura? Perchè confondete questo con i pericoli che avete registrato nella vostra mente. Ad ogni esperienza traumatica, il vostro corpo ha registrato qualcosa e la vostra mente è diventata sempre più attenta, sempre più presente al pericolo. Essa dice: “Guardati bene intorno altrimenti ti fai male”. Nessuno vi ha insegnato a dire: “Lasciati andare, non c’è alcun pericolo”. Questo per alcuni può risultare assurdo: “Come nessun pericolo!? La gente mi critica, devo sopravvivere, escogitare modi per non rimanere solo, guadagnare per pagare l’affitto, lottare per farmi capire, nascondermi per piangere, nascondermi anche per ridere o per amare”. Questa vita è tutta un pericolo. Ma se voi vi chiudete in una stanza, vi sedete su un materassino di meditazione e vi dite: “Dio, io so che tu sei me e ora mi lascio andare a Te”. Allora inizia la guarigione. Inizierete a purificarvi da tutte quelle paure e tutte quelle idee su chi siete voi e su cosa è la vita e cosa sono gli altri. Piano piano tutte queste cose verranno fuori e voi le vedrete, ci andrete attraverso e infine si scioglieranno. Tutto ciò accade arrendendosi a Dio. Ma per fare questo dovrete essere disposti a passare attraverso le purificazioni. Quando il corpo e la mente si purificano, le impurità e i veleni saltano fuori. Se non avete mai amato, vi sentirete depressi, tristi, delusi. Ma alla fine scoprirete che queste erano le esperienze registrate nella vostra mente e inizierete a sentire un amore vero, autentico, che scorre attraverso di voi. Vi direte: “Cosa è questa cosa? Mi sento bene, molto bene. Non mi sono mai sentito così. Sto amando, si sto amando senza alcun motivo!”. Questo è quello che accade. Quando la purificazione sarà arrivata ad una certa profondità, inizierete a sentire il risveglio di Kundalini. La purificazione era portata avanti dal prana e quando ha raggiunto un suo livello, l’energia inizia a concentrarsi al centro di voi, alla base della spina dorsale, e Kundalini si risveglia. In questa fase iniziano posture e contrazioni muscolari di un certo tipo. Avete bisogno dell’aiuto dell’insegnante per capire cosa sono e come proseguire. Solo la corretta comprensione di queste esperienze vi può fare aprire la porta di shushumnanadi, il canale energetico centrale. Qui arriva la grazia dell’insegnante, senza la quale kundalini rimarrà frustrata e la bocca del serpente non si alzerà. La resa è quanto di più completo esista. Se volete evolvervi, non solo avere momenti di illuminazione, ma entrare per sempre nel regno Divino, dove voi siete voi stessi, allora dovrete prendere in seria considerazione la resa.

Comments are closed.