Ott 03, 2013 | Post by: Hari No Comments

Ti vedo

Ti vedo

Mentre cerchiamo di stabilizzarci in noi stessi, veniamo attaccati dalla mente. A nostra volta noi la attacchiamo. Cosa produce questo? Ne noi, ne la mente riusciremo a vincere. Ogni nostro sforzo rimane li, incatenato al conflitto: “O me o te”. Non abbiamo più spazio per stare con noi e nemmeno con gli altri. Il nostro sguardo va a qualcosa che riduce la visuale, ci rende stupidi, limitati, deboli. Allora, la prima cosa da fare è quella di allentare il conflitto. Come lo facciamo? Tornando ancora a noi. Ci troviamo così in una nuova condizione: presenti alla mente. Potremmo tornare al pensiero antico che dice: “Elimina quel pensiero. Uccidi la mente”. Ma non lo facciamo. Rimaniamo semplicemente presenti alla mente. Siamo osservatori, privi di giudizio, privi di negazione. Non solo non rifiutiamo la mente, ma ora le diciamo “Si, ti vedo”. È qui che accade l’inaspettato: la mente si trasforma e diventa amore, accoglienza, pienezza, fino a fondersi in noi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *